Commenti recenti

    L' Alcool Denaturato: Storia di un killer di stato .

    #alcooldenaturatokillerdistato
    Una delle manifestazioni del malcostume italiano per il quale l’interesse di pochi , organizzati in lobby che potremmo definire piú forti , subdole e spregiudicate della mafia, riescono a provocare enormi danni economici, affettivi e morali a l’intera comunitá.

     

    Mi sono interessato la prima volta di questa problematica nel 1980 , per incarico del Prof. Scrocca. imageIl problema era così riassumibile:

     

    L’Alcool denaturato, erroneamente considerato un disinfettante, era onnipresente per questa sua indicazione e venduto liberamente anche in supermercati. La sua confezione in recipiente morbido e con tappo a spruzzo , ne suggeriva però un utilizzo incongruo e pericolosissimo: l’uso come attivatore di fiamma per accendere fuochi e barbecue . Il ritorno di fiamma provocava l’esplosione della bottiglietta trasformandola in una bomba.

    Effettuai un esame della legislazione vigente e scrissi un articolo che inoltrai a diversi organismi è che posi, tramite un amico suo addetto stampa , direttamente sulla scrivania del Ministro della Sanità di allora (Aniasi). La situazione di allora era che il denaturante dello stato era addirittura di formulazione segreta , ma si sapeva contenesse anche alcool metilico. Quindi vi era un grave problema anche tossicologico. Successivamente questi aspetti furono risolti, ma , a parte il rispetto sulle norme di etichettatura , prima spesso disattese, nessun reale cambiamento  si è verificato fino al 2003.

    In occasione del congresso SIUST di Rimini nel 2003 l’argomento dell’alto numero di vittime da ustioni provocate da incidenti imputabili all’uso incongruo e soprattutto alla pericolosissima confezione”spruzzo ‘ fu inserito nel programma scientifico. (Presentazione)

    Si evidenzió che il problema era legato alla commercializzazione della sovrapproduzione di alcool che caratterizza i paesi produttori di zucchero. Questa problematica infatti ci accomuna al Brasile , dove é stata condotta la stessa battaglia e dove, tra alterne vicende dovute proprio alla contrapposizione con i produttori, spesso costituiti da vere e propri multinazionali, sono riusciti ad ottenere l’obbligo di commercializzazione dell’alcol denaturato solo in forma di gel .


    La nostra associazione, con in testa il nostro instancabile ed ostinato presidente si è posta l’obiettivo di ottenere l’adozione anche in Italia di questa legge. A parte il problema morale , si è evidenziato il risparmio economico  che un provvedimento in tal senso avrebbe provocato.

    Dopo una petizione al Presidente della Repubblica é stato attivato un tavolo presso il Ministero della Sanità che , dopo una serie di incontri con produttori ed altri addetti ai lavori aveva prodotto il testo di un DM che pareva fosse stato emesso in tempi brevi, ma dopo un primo ottimismo ci siamo scontrati con resistenze  occulte che hanno provocato prima un progressivo svilimento del provvedimento attraverso riformulazioni sempre più edulcorate , poi un suo congelamento.

    In realtà , come spesso avviene in Italia , si sta dando il tempo ai produttori di prendere contromisure , infatti stanno entrando in commercio nuove confezioni e formulazioni con una varietà di iniziative alcune interessanti altre meno.

    La situazione attuale è la presente

    Prima del 2004 era assolutamente vietata ( cioè vietata se commercializzata in esenzione delle accise dovute per l’alcol ad uso alimentare) imageogni forma di alcool che non fosse rosa e a 90gradi.

    Un produttore che aveva osato mettere in commercio una formulazione a 70 gradi destinata alla pulizia profumata alla verbena fu perseguito per “contrabbando”. Successivamente una legge europea sancì ulteriormente che l'”Alcool Denaturato” doveva essere a 90 gradi ed obbligatoriamente contenere il colorante rosa per non essere confuso con altre formulazioni. Oggi abbiamo appurato é possibile registrare come ‘Dispositivi Medici’ dei prodotti a base Alcool Denaturato non rosa , quindi con denaturazione “speciale ” (Esoform, Farmecol) e questo, esaminando il decreto 524 del M.delle Finanze , poteva forse essere possibile già dal 1996 , solo che forse oggi stanno concedendo le autorizzazioni forse prima negate.

    Ma la vera novità credo sia l’Alcool Denaturato Speciale 70 gradi bianco che riporto qui che conserva comunque il nostro affezionatissimo tappo a spruzzo.

    É fuorilegge ?( potrebbe essere un camorrista visto che è fatto ad Afragola ?) o vi é una nuova legge che lo permette , visto che non é un dispositivo medico ma un nuovo “Alcool Denaturato ” ? In etichetta viene richiamato il comma 4 art2 DM 524, che in realtà limiterebbe la gradazione la 40 gradi.

    4.L’alcole etilico destinato alla fabbricazione dei detersivi liquidi e in pasta per bucato, per stoviglie

    e per superfici dure (NC 3402 0000 ), dei lucidi per scarpe liquidi in confezione autolucidante (NC

    3405 0000), dei deodoranti ambientali in forma liquida, aerosol e spray (NC 3307 0000 ), degli

    insetticidi in forma liquida, aerosol e spray (NC 3808 0000 ) deve essere denaturato mediante

    l’aggiunta, per ogni ettolitro anidro di alcole, delle sottoindicate; sostanze, alla condizione che nel

    prodotto finale il tenore alcolico non superi i 40 gradi:

    a) 4.000 grammi di isopropanolo;

    b) 500 grammi di metiletilchetone;

    c) 2 grammi di bitrex.

    Il fatto è che ho reperito questa bottiglia nella Clinica Ruesch che lo usa abitualmente. Infatti a 70 gradi é un buon disinfettante , come documentato nella scheda del Farmecol. Ma questo tipo di denaturazione è compatibile per l’uso come disinfettante ? Non si può controllare perché nella scheda tecnica del Farmacol non sono citati i denaturanti!

    Insomma quello che vige é una grande confusione . Se dovessimo scrivere una legge per prevenire le ustioni sarebbe molto difficile capire cosa dovremmo scrivere!

    Metto a vostra disposizione una piccola banca dati di documenti inerenti questo articolo all’indirizzo:

    https://www.dropbox.com/sh/443lg7s76iaihqy/AACkTTz_lDOpUiH-XrWThsAKa?dl=0

    Gaetano Esposito